“Songs from the second floor”

Stranissima sensazione quella di rimanere bloccati, infissi, cementati dentro la visione (disturbante ed insolita) di un film come "Songs from the second floor", dello svedese Roy Andersson. Difficilissimo definire qualcosa di sfuggente e spiazzante come un’opera del genere. Una allucinata e asfissiante apocalisse per immagini, tinta di atroce sarcasmo e venata del più disperato pessimismo. Sforzandomi di trasmettere un’ idea di sensazione percepita, potrei assimilare questo film ad un mix assolutamente straniante tra l’assurda comicità dei Python, la ieratica composizione di immagini di Peter Greenaway e i più violenti lampi surrealisti di cui era capace il Bunuel dei tempi d’oro. Tutto ciò fotografato in un alone di cupo grigiore (tipicamente scandinavo) o immerso in un bagliore azzurro-verdastro di quella che ha tutte le apparenza di una algida luce al neon. Opera estrema per molti versi quindi, provocatoria riflessione sul vuoto commerciare di simboli religiosi (crocifissi totalmente "svuotati di senso") e sul vuoto vivere di agenti di borsa e torvi generali nazisti ultra-centenari. Aberrato sguardo su una umanità febbricitante e smarrita in medievali inquietudini millenaristiche (il film si ambienta a cavallo tra il 1999 e il 2000) e sconvolta dalle oblique vertigini della malattia mentale. Raffinato esercizio estetico e stilistico (con richiami alla pittura di Otto Dix soprattutto), radicale nel suo impianto di regia. Visivamente impostato per intero sulla telecamera fissa, è un film che proprio grazie a questa estremizzante assenza di movimento trasfonde un senso di totale e drammatica "impossibilità all’azione" sui personaggi. Nel senso di impotenza e di stasi che percorre come filo conduttore tutto il film, il regista individua il vero dramma di una umanità ingorgata in immobili serpentoni stradali o incatenata dietro le sbarre di una clinica psichiatrica. Tutta interna alle singole (fisse) inquadrature la "possibilità di movimento" in questo film, quindi per forza di cose molto limitata. Ogni sequenza si sviluppa essenzialmente nel senso della profondità (grazie ad un complesso uso della profondità di campo, qui sfruttata fino al massimo delle sue potenzialità espressive) e si giova del "gioco di ellissi" insito nel concetto stesso di fuori-campo. Campi medi, lunghi, lunghissimi: uomini come fantocci inanimati. Fantocci inanimati che non sanno essere più uomini. Un ringraziamento speciale alle Eminenze Oscure della lontana Carfax, che hanno avuto un ruolo a dir poco "essenziale" nel far sì che una visione così smaterializzata e particolare si potesse materializzare qui sulle pagine di Cinedrome.

Annunci

15 risposte a ““Songs from the second floor”

  1. @Delirio: Sempre un piacere rivederti da queste parti 😉
    se riesci comunque cerca di reperirlo, in qualche modo

  2. bellssimo post, questo film mi era sfuggito ma devo recuperarlo. come dici, un film difficile da definire quindi fatto d’ emozioni e sensazioni e questi (almeno per me) solitamente sono i presupposti dei grandi film!

  3. @Monia86: Sì sì…difficilissimo da definire, a tratti ostico. Un esempio di cinema “altro”, molto lontano da quello che siamo abituati a vedere. Ti consiglio di reperirlo, vedrai con i tuoi occhi.

    @Conte: Ricambio ovviamente! 😉

  4. Interessantissimo l’incrocio di similitudini all’inizio e interessante questa fissità della camera che si esprime attraverso campi lunghi.
    Sinceramente, non ne avevo mai sentito parlare, ma sei riuscito ad incuriosirmi parecchio.

  5. Ho conosciuto il film tramite il post del nostro caro Conte. E la tua bellissima recensione mi sprona a vedere questo film (che nel frattempo mi sono procurato). Devo decidermi a vederlo.

  6. @Ale55andra: Se riesci a procurartelo, avrai l’occasione di vedere con i tuoi occhi un film davvero “diverso”. Poi mi dirai 😉

    @Lorenzo: Ti ringrazio, gentilissimo! vedilo, vedilo anche tu

    @Cinemasema: Questo film sono sicuro ti ispirerebbe un fiume in piena di riflessioni sulla sua natura pittorica e semantica…vedilo quanto prima…non te ne pentirai. Attendo con ansia il tuo super-post su questo film 🙂

    @Shepp: Un film che in qualche modo colpisce comunque…forse “stordisce” pure. Molto molto particolare.

  7. Io ne avevo letto sul teatrino del conte e l’ho rimediato quasi subito. semplicemente fantastico, ricorderò per sempre la scena della trattativa dei crocifissi.
    di solito masterizzo tutto quello che rimedio, ma songs from the second floor risiede come un pascià nel mio bel hard disk ed accoglie e licenzia i suoi illustri colleghi, come il migliore dei paggi di corte.

  8. @Toomuchstoned: Una posizione “di rilievo” per un film “di rilievo”! un paggio di corte d’eccezione 😉

  9. @Honeyboy: E “ovviamente” fai bene!

    @Souffle: Sì sì…cerca di recuperarlo…un film interessante sotto molti punti di vista. A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...