Ghezzi Guitar

<<Johnny Guitar è il cinema. Non come si dice, giustamente: John Ford (o Jean Vigo o Lang o Rossellini o Hitchcock o Vidor o Walsh o Ophuls o Dovzenko o.. ) è il cinema. Johnny Guitar è il cinema, il personaggio che rinomina Sterling Hayden ("Strano nome – vuoi cambiarlo?") agisce come il cinema. Arriva "dopo". In tempo per "riprendere" l’azione, fotografarla, guardarla, completarla, imbalsamarla, ucciderla, per "amarla" anche. E’ dinamica e insieme di pietra la sua prima apparizione. Cavalca su un costone, il rumore di spari e cavalli giù in basso lo colpisce senza scuoterlo. Si limita a guardare, dall’alto, la rapina che si svolge. Testimone non invitato (deve solo andare a fare il suonatore di chitarra in un saloon, si apprenderà dopo), Guitar si allontana. Sguardo soffice o distratto, o così acutamente fotografico da bastargli un attimo. […]

La dichiarata ossessione di Ray in Johnny Guitar è il tempo, il passare del tempo, il peso del tempo. I personaggi ne sono inseguiti, spinti, oppressi. "Tutto" deve accadere e accade "subito". Pretesto, provocazione, scontro, condanna, pena, morte, amore. Non c’è davvero tempo per ballare, se non appesi a una corda. Qui il gioco lento e decontratto di Hayden-Guitar fa appunto la parte del cinema. Il bicchiere vuoto che rotola sul bancone sta per cadere e Guitar (è il suo ri-ingresso nella prima scena) lo prende al volo, riflessi da pistolero e ottica di precisione. Più tardi, sarà ancora l’ultimo momento quello del suo intervento a salvare Vienna dall’impiccagione. Il "secondo tempo", la "postumità" immediata, l’ultimo momento, quello del cinema. >>

Enrico Ghezzi in Johnny Guitar, Nuova Eri, 1991 – "Paura e desiderio", tascabili Bompiani

6 risposte a “Ghezzi Guitar

  1. Eccolo il passo di Ghezzi che avevi anticipato in un commento! Molto intressante. Quel libro che citi della Nuova Eri mi manca 😦 Mi sa che è fuori catalogo.

  2. Molto bello, vero? il concetto di Guitar che come il cinema “arriva dopo” ma arriva “giusto in tempo” lo trovo assolutamente splendido. Questo stralcio di Ghezzi-pensiero è preso da “Paura e desiderio” della Bompiani, una corposissima antologia di suoi scritti che puoi reperire con facilità nelle librerie. Il riferimento alla edizione della Nuova Eri è quello della prima pubblicazione del pezzo.

    A presto

  3. Ah, sì! Adesso mi rammento. E’ un’antologia di Ghezzi stampata su carta di bassa qualità ma ad un costo basso. O sbaglio? Presto sarò in libreria ad acquistare qualche libro (compreso questo). Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...