Omaggio a Jacques Tourneur

Durante la conferenza stampa romana di presentazione di “Shutter Island” Martin Scorsese, nel dissezionare l’articolato background cinefilo che sostiene il suo ultimo lavoro, ha citato due film degni di menzione. Uno è “Laura”, in Italia “Vertigine”, noir di grande raffinatezza ed efficacia del grande Otto Preminger. L’altro è “Out of the Past”, in Italia “Le catene della colpa”, capolavoro nascosto e quasi invisibile di un regista invisibile e sempre più dimenticato come Jacques Tourneur. Francese di nascita e americano di adozione, Tourneur rientra sicuramente in quel gruppo di registi-artigiani che sono riusciti a plasmare la pellicola di celluloide con la forza della loro personale “visione”. Basta ad esempio pescare tra gli horror a basso costo prodotti da Val Lewton e diretti da Tourneur per la RKO, per vedere condensato nel dittico felino “The Leopard Man”/“Cat People”  il nucleo centrale di una poetica della paura non vista (e spesso non nominata), che sembra rimanere sempre un metro fuori dall’inquadratura ma che non cessa mai di far sentire i suoi devastanti effetti sulla psiche e sui corpi degli uomini (Tourneur è regista delle “mutazioni” quanto David Cronenberg o Shinya Tsukamoto, sebbene le sue “mutazioni” siano quasi sempre soltanto suggerite alla immaginazione dello spettatore). In “Out of the past”, mirabile saggio di scrittura cinematografica sorretto da un enorme Robert Mitchum e da un ottimo Kirk Douglas, fantasmi di altra natura (i fantasmi del passato) reclamano un primo piano sin dalla formidabile sequenza di apertura. La forza dirompente di un evento pregresso irrompe nel presente e nel progresso narrativo del film, tanto da obbligare il regista a concederle un flashback ampio quasi metà film. Al centro di questo violento scontro di forze, la magnifica fotografia, contrastata e tagliente di Nicholas Musuraca suggella il soccombere di ogni redenzione possibile davanti alla ineffabile e totalizzante influenza del vissuto sulla vita degli uomini. «That’s not the way to win.»-«Is there a way to win?»-« There’s a way to lose more slowly.»

9 risposte a “Omaggio a Jacques Tourneur

  1. Questi post vintage sono sempre graditissimi 🙂 "Le catene della colpa" manca anche a me, conosco solo il Tourneur del bellissimo "Il bacio della pantera"Un salutoChimy

  2. Resta davvero un mistero per me il fatto che ci siano registi artigiani così grandi che quasi cadono nel dimenticatoio…Tourneur è uno di questi, ma penso ad altri grandissimi, tipo Melville, che non hanno mai ricevuto la giusta considerazione che meritavano…ed è sempre importante, come fai tu, ricordarne la grandezza ogni tanto…

  3. grandissimo film e grandissimo regista. d'altronde Scorsese ne tesseva già le lodi e ne parlava come uno dei registi avevano avuto un'influenza sulla sua formazione nel suo bellissimo Viaggio nel cinema americano.

  4. @Iosif: Provaci. E' recuperabilissimo. Merita alla grande. Meritano anche "Il bacio della pantera" e "L'uomo leopardo".@Chimy: Fa davvero molto piacere vedere che qualcuno prova interesse per questo tipo di post. Ogni volta me ne (piacevolmente) sorprendo. Non è retorica, il tuo/vostro feedback è oltremodo fondamentale per resistere, in simili tempi di secche bloggare. :)Non te lo perdere "Le catene della colpa"… sono certo che lo apprezzerai parecchio.@MonsierVerdoux: Guarda, Tourneur ancora più dismesso di Melville. Il cinema di Melville, giustamente visto il suo immenso valore, è oggetto di studio, ammirazione e attenzione da parte di molto. Di Tourneur, regista sicuramente più "piccolo" e meno decisivo rispetto a Melville, sembra si ricordi solo Scorsese. :)@Noodles: Giusto. Non lo ricordavo perchè la visione di quel doc (credo nemmeno integrale) risale ormai a molti anni fa. Devo andarlo a ripescare. Ricordi che film di Tourneur cita oltre a questo?

  5. Scorsese giustamente cita ed omaggia Tourneur, regista dimenticato dai più. Ghezzi ogni tanto gli dedica qualche nottata, ma non aspettate Fuori Orario per recuperare "Il bacio della pantera" e "Le catene della colpa". Ma anche "Ho camminato con uno zombie"  ed il sorprendente "La notte del demonio". 

  6. Purtroppo "La notte del demonio" non è uscito in DVD in Italia. E non è facile trovarlo neanche all'estero.  Vai con l'asinello 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...