Masters of light/ V

Sven Nykvist

  • La fontana della vergine, Ingmar Bergman (1960)
  • Come in uno specchio, Ingmar Bergman (1961)
  • Luci d’inverno, Ingmar Bergman (1963)
  • Persona, Ingmar Bergman (1966)
  • Sussurri e grida, Ingmar Bergman (1973)
  • Scene da un matrimonio, Ingmar Bergman (1973)
  • L’inquilino del terzo piano, Roman Polanski (1976)
  • Sinfonia d’autunno, Ingmar Bergman (1978)
  • Fanny e Alexander, Ingmar Bergman (1982)
  • Sacrificio, Andrej Tarkovskij (1986)
  • Un’altra donna, Woody Allen (1988)
  • Crimini e misfatti, Woody Allen (1989)
  • Celebrity, Woody Allen (1998)

Masters of light/ IV

Gabriel Figueroa

  • Que viva Mexico!, Sergei Eisenstein (1932)
  • La croce di fuoco, John Ford (1947)
  • I figli della violenza, Luis Bunuel (1950)
  • El, Luis Bunuel (1953)
  • Nazarin, Luis Bunuel (1959)
  • L’angelo sterminatore, Luis Bunuel (1962)
  • La notte dell’iguana, John Huston (1964)
  • Simon del deserto, Luis Bunuel (1965)
  • Sotto il vulcano, John Huston (1984)<!–

    –>

  • Masters of light/ III

    Giuseppe Rotunno

    Masters of light/ II

    "Everybody deserves a little light, don’t they? "

    Conrad L. Hall

  • I morituri, Bernhard Wicki (1965)
  • Detective’s story, Jack Smight (1966)
  • I professionisti, Richard Brooks (1966)
  • Nick mano fredda, Stuart Rosenberg (1967)
  • A sangue freddo, Richard Brooks (1967)
  • Butch Cassidy, George Roy Hill (1969)
  • Fat city – città amara, John Huston (1972)
  • Il giorno della locusta, John Schlesinger (1975)
  • Il maratoneta, John Schlesinger (1976)
  • American Beauty, Sam Mendes (1999)
  • Era mio padre, Sam Mendes (2002)
  • Masters of Light/ I

    "Il linguaggio della luce, e quindi di tutte le sue componenti, ha una sua potenzialità. Può esprimere sentimenti, emozioni, esattamente come le note di uno spartito o le battute di una sceneggiatura. Noi siamo dei visionari, deriviamo da una serie di visioni, dalla storia della pittura. Ma se un pittore racconta una storia in un’unica immagine – e anche per la fotografia pura e semplice è così – la cinemato-grafia, ed è questa l’espressione in cui maggiormente mi riconosco, ha invece qualcosa di più: il movimento. Si esprime attraverso un racconto, con un inizio, uno svolgimento e una fine. Quindi scrivere con la luce è raccontare una storia cinemato-grafica attraverso la luce e tutte le sue componenti. "

    Vittorio Storaro

  • L’uccello dalle piume di cristallo, Dario Argento (1970)
  • Il conformista, Bernardo Bertolucci (1970)
  • Strategia del ragno, Bernardo Bertolucci (1970)
  • Ultimo tango a Parigi, Bernardo Bertolucci (1972)
  • Giordano Bruno, Giuliano Montaldo (1973)
  • Novecento, Bernardo Bertolucci (1976)
  • Apocalypse Now, Francis Ford Coppola (1979)
  • Reds, Warren Beatty (1981)
  • Un sogno lungo un giorno (One from the Heart), Francis Ford Coppola (1982)
  • Ladyhawke, Richard Donner (1985)
  • L’ultimo imperatore, Bernardo Bertolucci (1987)
  • Tucker, un uomo e il suo sogno, Francis Ford Coppola (1988)
  • New York Stories, Francis Ford Coppola – episodio "Life without Zoe" (1989)
  • Il tè nel deserto, Bernardo Bertolucci (1990)
  • Dick Tracy, Warren Beatty (1990)
  • Piccolo Buddha, Bernardo Bertolucci (1993)
  • Flamenco, Carlos Saura (1995)
  • Taxi, Carlos Saura (1996)
  • Bulworth – Il senatore, Warren Beatty (1998)
  • Goya, Carlos Saura (1999)
  • Ho solo fatto a pezzi mia moglie, Alfonso Arau (2000)